L'Editoriale | Siamo sicuri che sia meglio complicarsi la vita? Yes Sir!

13:24:00

Ciao, sono Elena e mi hanno detto che sono strong. Perchè vesto outfits rock, con i miei ripped jeans e i miei used boots che mi conferiscono quel look così grunge.
Nelle mie serate chic però sfoggio la clutch, che si abbina con il black dress e contiene tranquillamente il mio lipstick e le visit cards, che non si sa mai. Dovesse capitarmi l'opportunità di una partnership nel backstage dell'after show, meglio non farsi cogliere impreparati.
48 parole (esclusi articoli e congiunzioni ) in tutto. 22 sono inglesi. Perchè ad essere british siamo più glamorous. Tanto per dire.
Ciao, sono Elena e sono una Blogger. Mi occupo di Marketing & Business Media Strategy per la diffusione virale della brand awareness attraverso l'elevazione della web reputation. Fico eh? Sicuramente più fico di: " Ciao sono Elena e passo tutto il giorno a smanettare su faccia libro e affini affinchè le caratteristiche positive delle aziende emergano all'interno della rete solleticando l'opinione positiva dei consumatori" (Che poi, se lo leggete tutto d'un fiato vi parte l'embolo, of course!)
Complicarsi la vita sembra insomma essere la soluzione ideale per auto - rassicurarsi. Sfoggiando un lessico da English Grammar ci sentiamo più fighi, leoni coraggiosi e guerrieri integrati in quel vorace sistema sociale che nel 2014 ci vuole così: smart (si, come il phone).
Oggi, data 29 luglio, A.D. 2014 dobbiamo essere multitasking. Fare la spesa online (che si, una volta c'era il pollivendolo che si ingraziava le clienti con il saccarosico appellativo di "Cara!", OMG, così cheap) scegliendo tra bacche di goji e  insalata Bonduelle (quella già lavata, condita e stirata, che è più fast).  Contemporaneamente revisionare il brief dallo smartphone, con recap del meet in programma per il brunch, da fissare prima dello squash.
E poi il 2014 ci vuole così: cool. Upper Class all night long, tra diamanti Chopard, Diet Coke e carta gold, Self-Made Man pronti a svendere il know-how perchè si alza lo Spread e c'è il crollo del Bond.
Una serie infinita ed infima di complicati vocaboli ed insidiose complicazioni lessico - culturali per sentirci parte di un sistema, insomma. O meglio, parte apprezzata, temuta, rispettata, osannata, spericolata come una groupie e così sia.
Perchè il 2014 ci vuole un po' Vip. Con K e K di followers, like, hype e share, of course.
E poi dobbiamo essere belli. Meglio se da instafiltro, che tanto il diastema non ci spaventa e combattiamo l'acne da junk food con un colpo di blush.
E predichiamo i benefici di un regime Vegan, così detox e diciamo no alla Body Shaming con un selfie ad hoc.
Incoerenti ed insicuri, alla ricerca di stimoli e approvazioni, con i pensieri filtrati da un sistema che oggi ci vuole così. In bilico tra il voler essere partner di questo tessuto globalizzato e un po' bastardo e il voler essere semplicemente noi. 
Siamo anime a metà: what'sappiamo i nostri pensieri su tastiere performanti, inconsapevoli produttori di acuti neologismi che mescolano gli idiomi perchè sennò caschiamo troppo dall'altra parte. E non va bene, perchè un po' di amor patrio ci piace sfoggiarlo nonostante tutto. 
E naturalmente il 2014 ci vuole un po' freak, perchè la pace nel mondo la vogliamo ancora; e forse, magari senza dare troppo nell'occhio, qualche fiore nei nostri cannoni siamo disposti a metterlo. E anche a fare l'amore piuttosto che la guerra. E pazienza se poi ci scappa il selfie after sex, in fondo buoni dentro lo siamo ancora.
Elena

You Might Also Like

2 commenti

  1. What a beautiful picture! Gorgeous
    Lots of love, xx

    http://marysreturn.blogspot.com.ar/
    http://marysreturn.blogspot.com.ar/

    RispondiElimina

THANKS FOR YOUR COMMENTS

Popular Posts

Like us on Facebook

Instagram @ElenaPalieri_Officiale